L’orso d’oro della 66/ima edizione del Festival di Berlino va al film documentario “Fuocoammare”, del regista italiano Gianfranco Rosi, che tratta dell’inferno dei migranti che arrivano a Lampedusa.